Expo 2015 sostituisce il personale retribuito con i volontari

pagailavoroVenerdì scorso, durante il concerto dei “The Kolors” all’Open Theatre, per la prima volta si sono visti i volontari anche al di fuori dai due turni giornalieri (9,00-14,30 / 14,30-20,00) previsti dagli accordi sindacali. In molti sono rimasti a supportare l’organizzazione di Expo anche per questo evento serale.
C’è di più: ormai da alcune settimane è in atto, da parte di Expo 2015, la sostituzione del personale dipendente con i volontari. Questo è anche dovuto al fatto che i Field Operator, personale assunto da Expo 2015 dopo un percorso di selezione e formazione nei mesi precedenti l’inizio del grande evento, si sono ridotti di numero a causa di ricollocazioni e abbandoni.
I volontari inizialmente si vedevano all’interno di Expo su Cardo e Decumano, occupandosi prevalentemente della distribuzione delle mappe e di dare informazioni ai visitatori, oltre a svolgere un ruolo di immagine e “bella presenza”. Ora invece si possono notare molti più volontari dislocati altrove, dentro e fuori dal sito o in prossimità degli accessi, a sostituzione appunto del personale dipendente. E’ evidente che, in questo modo, Expo sta comprimendo il costo della manodopera con una pratica che definire di dumping sociale è usare un eufemismo.
v_big_expoInoltre, anticipando l’apertura dei cancelli alle 9 del mattino la direzione di Expo ha chiesto che i volontari venissero disposti ai tornelli di ingresso fornendo loro le indicazioni operative sulle mansioni da svolgere. I volontari, quindi, svolgono le stesse incombenze del personale di Expo 2015, oltre a compiti di security e vigilanza, presidio di zone o impiegati nella gestione di eventi.
Infine, i Field Operator di Expo svolgono un illegittimo monitoraggio nei confronti delle attività dei volontari, totalmente in contrasto con gli accordi sindacali.
Quanto sta avvenendo nelle ultime settimane a Expo è quello che denunciavamo all’indomani dell’accordo sindacale del luglio 2013 che ha istituito il lavoro gratuito all’interno dell’Esposizione, e cioè la sostituzione di personale stipendiato con figure – è il caso dei volontari – non retribuiti, impiegati per le stesse mansioni. In uno scenario così descritto, Ciessevi ricopre allora l’inedito ruolo di “caporale” nel procacciare illecitamente manodopera gratuita a favore di Expo 2015, una società per azioni il cui scopo è il mero perseguimento degli utili, e i cui profitti sono garantiti anche e soprattutto dai lauti risparmi derivanti dal poter impiegare gratuitamente la manodopera dei volontari per attività solitamente remunerate.

SOS Fornace
San Precario
lavoroexpo2015.com

Conosci il contratto di lavoro col quale sei stato assunto? Ricevi una paga giusta? Gli orari di lavoro e le pause vengono rispettati? Gli straordinari ti vengono pagati? Lavori in condizioni di sicurezza? Ti hanno negato il pass per entrare in Expo? Per problemi e dubbi non esitare a contattarci: San Precario è il santo protettore degli sfruttati e non chiede tessere!
————————————————————–
Sportello Biosindacale del Punto San Precario Rho-Fiera
Ogni mercoledì dalle 19:00 in Fornace (Rho, via Moscova 5)
Info: 338.1969423 – 347.2432948 – sosfornace@inventati.org

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...